Natura e Paesaggio

"Val Graveglia....paesaggio alpino vista Portofino". Lo slogan, coniato dall'associazione stessa, riassume in poche parole quello splendido connubio di valle non lontana dal mare ma con paesaggi tipicamente montani. Nelle terse giornate invernali, per fare un esempio, dalla cima del monte Chiappozzo si spazia da Portofino al Monviso...

 

 

Basti pensare che nelle fredde giornate d'inverno, quando i gelidi venti del nord spazzano via nubi ed umidità, è possibile ammirare, dalla cima del monte Chiappozzo, il golfo del Tigullio a Sud ed il Monviso ad Ovest.

I paesaggi della val Graveglia sono i più vari: dalle scoscese gole rocciose del Rio Novelli ai prati del passo del Biscia, dalle pinete del Monte Porcile ai castagneti sparsi un po' dappertutto, dalle brulle cime rocciose alle caratteristiche zone umide nascoste negli angoli più reconditi di questo territorio.

Scendendo verso valle la tipica macchia mediterranea si esprime con bossete e leccete lasciando via via sempre più spazio alle aree coltivate.

Non solo paesaggio naturale ma anche paesaggio antropico: antichi borghi in cui la pietra è protagonista, stretti carruggi che si snodano tra abitazioni oggi per lo più abbandonate, in attesa di riprendere vita e tornare ad essere focolari domestici. I paesaggi terrazzati che rievocano la maestria e la fatica con la quale i nostri antenati strappavano la terra ai monti e lì praticavano un'agricoltura difficile, stentata; le cosiddette fasce che talvolta ancora si intravedono in aree ormai rimboscate.

Ma soprattutto un paesaggio immutato da tempo.